Chill Out – Qwaqa

0

Our Rating

Originalità10
Visual10
Synch9
9.7
Reader Rating: (1 Rate)
9.3

Abbiamo aggiunto la sezione “Recensioni di Amv” all’interno del nostro forum così che tutti possano leggere le varie recensioni. Le vecchie recensioni e quelle nuove potranno essere lette sia qui che sul sito.

Fatta la premessa, posto la recensione di un AMV di Qwaqa che avevo scritto tempo fa e che pubblico adesso. E’ bella dura scegliere di cosa parlare di un editor così bravo, ma ho voluto iniziare dal suo Chill Out. C’è un film del 2003, Elephant che forse avrà visto Qwaqa in quanto “Chill Out” ne può essere benissimo il suo riassunto. Come recita la scritta finale:”Always treat people around you nicely”.

Per iniziare a parlare di Chill Out, si può dire che è un video circolare, così come Elephant: inizia con un suono extradiegetico di alcuni uccellini che cinguettano, stesso suono che ritroviamo nel finale del video. Inizia con 4 stacchi che si concludono con una dissolvenza, dopodichè sentiamo il primo verso della canzone che dice:”There’s something happening here(qualcosa è successo qui)”, per proseguire poi con:”What it is ain’t exactly clear(Che cosa sia non è esattamente chiaro)”. Infatti qualcosa di strano è accaduto in quella scuola, quello che vediamo in queste scene possono essere considerate infatti una prolessi di quello che accadrà dopo o semplicemente la storia inizia da qui: in una scuola c’è stato un omicidio e una ragazza che vediamo in queste prime immagini, Rei è sopravvissuta al massacro. La scena a 0:44 è potente:”There’s a man with a gun over there(C’è un uomo con un fucile in mano laggiù)”, vediamo infatti Rei che guarda fuori dalla finestra e sembra vedere la figura di Shinji che ha appena ucciso i suoi compagni di classe. Questa scena però sembra essere collocata su un diverso livello temporale, abbiamo Rei che è sopravvissuta quindi il livello temporale è collocato sul presente, abbiamo poi Shinji a 0:48 che è rannicchiato su una collinetta, la stessa ambientazione che ci è stata presentata all’inizio con i 4 stacchi che dovrebbe essere collocata in una posizione temporale antecedente a quella di Rei. Infatti subito dopo a 0:53 Rei ricorda, qui Qwaqa rimarca il livello temporale con il bianco e nero, di aver subito un pestaggio da uno dei compagni di classe e uno schiaffo da Rei. Dal punto di vista del montaggio la sequenza è perfetta, molto ruvida con degli stacchi  “non convenzionali” molto veloci.

Il video continua poi mostrandoci un’altra relazione di personaggi, questa volta tra Rei e Misato: vediamo Rei che cammina per strada e forse ha deciso di abbandonare il luogo dove viveva con la donna, lo vediamo infatti dormire per terra dietro a degli scatoloni dove appare di nuovo un ricordo in B/N, anche in questo caso Shinji ne esce sconfitto. La scena a 1:21 è davvero particolare. Poi vediamo Shinji che si reca al funerale di Asuka, anche qui i piani temporali sono sdoppiati con Shinji che ricorda l’accaduto. Qui Qwaqa per sottolineare l’intensità del gesto colora la scena di rosso, stesso colore che colora la busta in cui il corpo di Asuka viene messo dentro la spazzatura. Shinji cammina su un autostrada di notte e ricorda ancora quello che ha commesso, è la sequenza più famosa del video, quella del “Kill ‘em all” dove Shinji uccide uno ad uno i suoi compagni di scuola. A 2:51 siamo sul finale del video che tutt’ora non riesco a capire. Shinji muore? Chi è l’altro ragazzo che riceve la pallottola in testa?
Il finale del video è diverso nella versione dell’Akross cut se ben ricordo dove Shinji è semplicemente catturato dalla polizia e incarcerato, come dicono le scritte finali:”this cold-blooded basterd killed 17 people and one penguin and he just needed to CHILL OUT”.

Come per i video di questa portata spiegarlo equivale a sciuparlo, posso dire soltanto che all’inizio quando lo vidi nel 2010 circa non mi piaceva affatto, poi man mano riguardandolo più volte mi ci sono appassionato moltissimo tanto che alcuni stacchi presenti nel video per me sono davvero perfetti e una gioia per gli occhi. Quello che mi ha sempre sorpreso, e mi sorprende tutt’ora riguardandolo, è l’apparente facilità e semplicità della messa in scena e l’idea alla base di trasformare Shinji in un killer che uccide più persone in una scuola è geniale. La canzone è anch’essa perfetta anche se non ha grandi esplosioni, molto piatta e quasi fredda come il protagonista che uccide i proprio compagni di scuola. Le scene da 0:43 a 0:58 sono assolutamente grandiose.

About author

Domius

me piace giocà a calcio, ascoltare la museeca e guardammi li film

No comments